Due interpellanze de “L’Altra Faenza” in Consiglio comunale

12376754_999447153468121_7858016570870894059_n

Due interpellanze de “L’Altra Faenza” in Consiglio comunale

By

Due interpellanze de “L’Altra Faenza” in Consiglio comunale
Nel corso della seduta del Consiglio comunale di lunedì 14 dicembre il consigliere de “L’Altra Faenza Edward Jan Necki ha presentato due interpellanze.
Con la prima ha sollecitato chiarimenti e assicurazioni circa le finalità della “Rilevazione degli enti e associazioni di culto” promossa dal Ministero dell’Interno e affidata dalle Prefetture ai Comuni. Il consigliere de “L’Altra Faenza” ha chiesto se sia obbligatorio rispondere alle domande formulate nell’apposito questionario e se si intenda, con questa iniziativa, combattere eventuali infiltrazioni terroristiche sul nostro territorio. Poiché, in questo caso, si tratterebbe di un atto di dubbia efficacia, Eddy Necki ha evidenziato che il rischio reale è invece quello di innescare sospetti sugli appartenenti alle diverse confessioni religiose, vanificando così il lavoro di integrazione che il “Tavolo del dialogo interreligioso” sta invece perseguendo.
Qualora la Rilevazione dovesse preludere a provvedimenti che limitano la libertà di culto, “L’Altra Faenza” si dichiara fermamente contraria.
Con la seconda interpellanza il consigliere de “L’Altra Faenza” ha chiesto alla Giunta di riferire circa il futuro dell’ex colonia di Castel Raniero. Per l’acquisizione dello storico immobile, com’è noto, sono stati presentati progetti da parte di un’azienda privata che opera nel settore informatico e del Gruppo “Adottiamo Castel Raniero” composto da cittadini di Faenza e da numerose associazioni (la proposta del Gruppo è stata adottata dalla Consulta del Volontariato). Con l’interpellanza, Eddy Necki ha inteso richiamare la necessità che in ogni caso vengano pienamente rispettati gli obiettivi esplicitati nell’avviso pubblico. Essi prevedono fra le altre cose la conservazione e la valorizzazione dell’immobile, dell’annesso fabbricato e del parco circostante.

Faenza, 15 dicembre 2015
L’Altra Faenza